Condizioni Generali della TSUBAKI KABELSCHLEPP GmbH

I. Generalità

  1. Per le nostre spedizioni e i nostri servizi valgono esclusivamente le presenti condizioni generali. Non accettiamo condizioni d’acquisto del committente che vadano a nostro svantaggio e divergano dalle condizioni generali qui riportate.
  2. Le nostre condizioni generali valgono anche nel caso in cui, consapevoli dell'esistenza di condizioni del committente contrarie o divergenti dalle nostre CG, la spedizione al committente avviene senza riserve. Ove non concordato diversamente, il contratto si perfeziona con la conferma d'ordine scritta del fornitore.
  3. Le nostre CG valgono anche per tutte le successive operazioni commerciali con il committente.
  4. Accordi accessori, variazioni ed eventuali assicurazioni valgono solo se vengono da noi confermati per iscritto.

II. Offerte

  1. A meno che non venga espressamente indicata come vincolante, la documentazione facente parte delle nostre offerte, come immagini, disegni, dati su pesi e dimensioni, ha solo un carattere indicativo.
  2. Ci riserviamo i diritti di proprietà e d'autore su preventivi, disegni e altri documenti, che non possono essere resi accessibili a soggetti terzi. Gli studi tecnici realizzati per il committente possono essere resi noti a terzi solo dopo aver ottenuto il suo consenso.

III. Obblighi di consegna

  1. Per la dotazione delle nostre spedizioni è determinante esclusivamente la nostra conferma d’ordine.
  2. Sono ammesse consegne parziali.

IV. Prezzi, condizioni di pagamento

  1. Ove non specificato diversamente, i nostri prezzi si intendono netti franco stabilimento, incluso carico presso lo stabilimento, ma esclusi imballaggio e scarico.
  2. L'IVA di legge non è inclusa nei nostri prezzi. Essa verrà specificata separatamente nel giorno in cui verrà emessa la fattura.
  3. Il diritto di trattenere i pagamenti o di compensarli con eventuali contropartite spetta al committente solo se esse risultano incontestate o passate in giudicato.
  4. In caso di un peggioramento delle condizioni patrimoniali del committente, il pagamento dei nostri crediti scade immediatamente, anche se esso era stato precedentemente dilazionato.

V. Termini di consegna

  1. I termini di consegna sono specificati dagli accordi stipulati tra le parti contrattuali, il cui rispetto è legato al presupposto che tutte le questioni commerciali e tecniche fra le parti siano state chiarite e che il committente rispetti tutti gli obblighi a suo carico come, ad esempio, la produzione di tutti i documenti necessari, il benestare dei disegni o il pagamento di un acconto. In caso contrario, il termine di consegna verrà prorogato in modo proporzionale. Ciò non vale nei casi in cui il ritardo è imputabile al fornitore.
  2. Il rispetto del termine di consegna viene garantito con la riserva di un approvvigionamento corretto e puntuale. Un previsto ritardo verrà comunicato dal fornitore non appena possibile.
  3. Il termine di consegna si intende rispettato quando, prima della sua scadenza, l'oggetto della consegna lascia lo stabilimento del fornitore o il fornitore comunica l'avviso di spedizione. Se deve essere effettuata una presa in consegna, è determinante – eccetto in caso di legittimo rifiuto d'accettazione – il termine di ritiro, in via subordinata l'avviso di presa in consegna.
  4. Se la spedizione e/o il ritiro dell'oggetto della consegna viene ritardato per motivi imputabili al committente, a partire da un mese dall'avviso di spedizione e/o dall'avviso di presa in consegna verranno addebitati al committente i costi maturati a causa del ritardo.
  5. Se il mancato rispetto del termine di consegna è dovuto a motivi di forza maggiore, agitazioni sindacali o altri eventi al di fuori della sfera d'influenza del fornitore, il termine di consegna verrà conformemente prorogato. In questi casi, il fornitore comunicherà al più presto possibile al committente l'inizio e la fine di tali eventi.
  6. In presenza di ordini di consegna, la consegna delle quantità concordate deve essere ordinata tempestivamente. Se il committente ritarda l'ordine di consegna delle quantità concordate o parziali, siamo autorizzati a depositarle a rischio e pericolo del committente, ovvero a cancellarle dalla quantità totale.
  7. Se la spedizione viene ritardata su richiesta del committente, a partire da un mese dall'avviso di spedizione verranno addebitati al committente i costi maturati per lo stoccaggio e, in caso di stoccaggio presso i nostri stabilimenti, almeno lo 0,5 % dell'importo della fattura per ciascun mese iniziato. Siamo inoltre autorizzati a fissare un termine adeguato per la presa in consegna e, alla sua scadenza, a disporre altrimenti dell'oggetto della consegna e a rifornire nuovamente il committente entro un termine adeguato.
  8. Se il fornitore è in ritardo e se questo ritardo causa un danno al committente, quest'ultimo è autorizzato a pretendere un'indennità di mora forfetaria. Per ciascuna settimana di ritardo iniziata, questa indennità ammonta al 0,5 % dell'intero valore della consegna, tuttavia al massimo al 5% del valore della consegna parziale che, a causa del ritardo, non può essere utilizzata in tempo o in base ai termini del contratto. Se il committente concorda un nuovo termine con il fornitore in mora – tenendo conto delle eccezioni previste dalla legge – e questo termine non viene rispettato, il committente è autorizzato a recedere dal contratto nel quadro della normativa in vigore. Ulteriori rivendicazioni derivanti dalla mora nella consegna risultano esclusivamente dal punto IX. 2 delle presenti condizioni.

VI. Trapasso di rischio

  1. Il rischio passa al committente al massimo nel momento del ritiro o della spedizione franco stabilimento, anche quando vengono effettuate consegne parziali e anche nei casi in cui dobbiamo fornire ancora altre prestazioni, per esempio la spedizione o il trasporto. Tutti i costi di spedizione sono a carico del committente. Se deve essere effettuata una presa in consegna, essa è determinante per il trapasso del rischio. Essa deve avvenire immediatamente alla data di ritiro, in via subordinata subito dopo l'avviso di presa in consegna da parte del fornitore. In presenza di un vizio non essenziale, il committente non può rifiutare la presa in consegna.
  2. Su richiesta scritta del committente, la spedizione viene assicurata a sue spese contro furto, rottura, trasporto, incendio, danni delle acque e altri rischi assicurabili.
  3. Se la spedizione viene ritardata per cause imputabili al committente, il rischio passa al committente già nel giorno dell'avviso di
    spedizione. Il fornitore si impegna a stipulare a spese del committente le polizze assicurative da lui richieste.
  4. Le nostre spedizioni devono essere prese in consegna dal committente anche se presentano vizi non essenziali, fatti salvi i diritti di cui al punto X.

VII. Riserva di proprietà

  1. Ci riserviamo la proprietà sull'oggetto della consegna sino al ricevimento di tutti i pagamenti derivanti dal contratto. In caso di conto corrente, il saldo viene garantito dalla riserva di proprietà sulle spedizioni (merce riservata).
  2. Una lavorazione e trasformazione da parte del committente avvengono – con esclusione dell'acquisto della proprietà ai sensi § 950 del Codice Civile tedesco (BGB) – per conto nostro. Il fornitore rimane proprietario del risultante prodotto, che diventa merce riservata a garanzia dei nostri diritti ai sensi del punto 1.
  3. In caso di lavorazione (unione/miscelazione) da parte del committente con altra merce che non ci appartiene, valgono le disposizioni degli §§ 947, 948 del Codice Civile tedesco (BGB), con la conseguenza che la nostra comproprietà sul nuovo prodotto diventa merce riservata ai sensi delle presenti condizioni.
  4. La rivendita della merce riservata è concessa al committente esclusivamente nel quadro di rapporti d'affari ordinari, a condizione che egli abbia stipulato anche con i suoi clienti un patto di riservato dominio ai sensi dei punti da 1 a 3. Il committente non è autorizzato a disporre altrimenti della merce riservata, in particolare alla costituzione in pegno né alla cessione a titolo di garanzia.
  5. In caso di rivendita, il committente ci cede in via prioritaria, già ora e sino all'adempimento, tutti i diritti a lui derivanti dalla rivendita e tutti gli ulteriori diritti nei confronti dei suoi clienti, inclusi tutti i diritti accessori. Su richiesta, il committente è tenuto a fornirci tutte le informazioni e la documentazione necessaria e utile per far valere i nostri diritti nei confronti dei clienti del committente.
  6. Se la merce riservata viene rivenuta dal committente dopo la lavorazione ai sensi dei punti 2 o 3 o insieme ad altra merce che non ci appartiene, la cessione del credito del prezzo di vendita ai sensi del punto 5 vale solo per l'ammontare del prezzo della merce riservata da noi fatturato.
  7. Se il valore delle nostre garanzie supera di oltre il 20% il nostro credito totale, su pretesa del committente siamo obbligati a liberare le garanzie di nostra scelta.
  8. Eventuali pignoramenti o sequestri della merce riservata da parte di soggetti terzi devono esserci comunicati tempestivamente. I costi maturati per il nostro intervento andranno a carico del committente.
  9. In caso di comportamento del committente contrario ai termini del contratto, in particolare in caso di mora, il fornitore è autorizzato – dopo sollecito – a ritirare l'oggetto della consegna e il committente è obbligato a restituirlo. L'esercizio del patto di riservato dominio come pure il pignoramento dell'oggetto della consegna da parte del fornitore non sono considerati un recesso dal contratto. Con la presente, il committente ci garantisce l'accesso ai suoi locali commerciali e aziendali, nella misura in cui necessario per il ritiro dell'oggetto della consegna. Se decidiamo di recedere dal contratto, il ritiro della merce riservata avviene per l'ammontare del realizzo ottenuto, tuttavia la massimo per l'ammontare dei prezzi di consegna concordati. Rimangono salve ulteriori richieste di risarcimento dei danni, in particolare per lucro cessante.
  10. Se il committente non è in grado di documentare una sufficiente copertura assicurativa, siamo autorizzati ad assicurare a sue spese l'oggetto della consegna contro furto, rottura, trasporto, incendio, danni delle acque e altri danni.

VIII. Garanzia

Con esclusione di ulteriori rivendicazioni, il fornitore concede la seguente garanzia sui vizi della cosa e sui vizi giuridici dell'oggetto della consegna:

Vizi della cosa

  1. Tutti i componenti che risultano difettosi a causa di un evento verificatosi prima del trapasso del rischio verranno – a scelta del fornitore – riparati o sostituiti gratuitamente. L'accertamento di simili vizi deve essere comunicato immediatamente per iscritto al fornitore. I componenti sostituiti diventano di proprietà del fornitore.
  2. Dopo essersi accordato con il fornitore, il committente è tenuto a concedere il tempo necessario e la possibilità di svolgere tutte le riparazioni o sostituzioni ritenute necessarie dal fornitore. In caso contrario, il fornitore viene esonerato dalla responsabilità sulle risultanti conseguenze. Il committente ha il diritto di eliminare da solo o di far eliminare il danno da soggetti terzi e a pretendere dal fornitore il rimborso delle spese sostenute, esclusivamente in casi urgenti che minacciano la sicurezza operativa e/o per l'eliminazione di danni sproporzionatamente grandi, considerando che in questi casi il fornitore deve immediatamente essere informato.
  3. In caso di contestazione giustificata, i costi della riparazione o sostituzione sono a carico del fornitore, inclusi i costi di spedizione così come quelli di montaggio e smontaggio. Nel caso in cui l’intervento fuori sede di uno staff tecnico del fornitore risultasse più economico, il fornitore si assume anche i costi di viaggio e di trasferta di questo staff tecnico.
  4. Nel quadro della normativa in vigore, il committente ha diritto di recedere dal contratto se, tenendo conto delle eccezioni previste dalla legge, il fornitore non è in grado di risolvere il problema nel limite di tempo concordato. Se è presente solo un danno non essenziale, il committente ha diritto esclusivamente a una riduzione sul prezzo contrattuale. Il diritto a una riduzione sul prezzo contrattuale rimane altrimenti escluso.
  5. In particolare, nessuna garanzia viene concessa nei seguenti casi:
    uso inadatto o inappropriato, montaggio e/o messa in funzione difettosi da parte del committente o di soggetti terzi, usura e logoramento naturali, uso sbagliato o negligente, manutenzione irregolare, materiali d'esercizio inadeguati, lavori di costruzione difettosi, cantiere edile inadeguato, effetti chimici, elettrochimici o elettrici, a meno che non siano imputabili al fornitore.
  6. Se il committente o un soggetto terzo effettuano una riparazione inappropriata, il fornitore non è responsabile delle risultanti conseguenze. Lo stesso vale per eventuali modifiche sull'oggetto della consegna effettuate senza aver ottenuto precedentemente l’approvazione del fornitore

    Vizi giuridici

  7. Se l'uso dell'oggetto della consegna viola diritti di proprietà industriale o d'autore del mercato nazionale, il fornitore concederà sostanzialmente a sue spese al committente il diritto di continuare a usare l'oggetto della consegna oppure lo modificherà in modo accettabile per il committente affinché non violi più alcun diritto di protezione. Se ciò non dovesse essere possibile a condizioni economicamente eque o in tempi equi, il committente è autorizzato a recedere dal contratto. Alle condizioni specificate, il diritto di recedere dal contratto spetta anche al fornitore. Il fornitore esonererà inoltre il committente da eventuali rivendicazioni incontestate o passate in giudicato da parte dei titolari dei diritti in questione.
  8. Gli obblighi del fornitore di cui al punto IX. 2 sono definitivi – salvo il punto VIII.2 – per il caso della violazione del diritto commerciale o d'autore.

    Essi sussistono solo quando
    1. il committente informa immediatamente il fornitore in merito alle violazione dei diritti commerciali o d'autore rivendicate
    2. il committente sostiene equamente il fornitore nella difesa contro i diritti rivendicati, ovvero permette al fornitore lo svolgimento dei lavori di modifica ai sensi del punto VIII.7
    3. il fornitore si riserva il diritto di prendere o evitare eventuali misure di difesa, inclusi gli accordi extragiudiziali
    4. il vizio giuridico non è da ricondursi a un'istruzione del committente e
    5. la violazione del diritto non è stata causata dal fatto che il committente ha modificato arbitrariamente l'oggetto della consegna o lo ha usato in un modo contrario ai termini del contratto.

IX. Responsabilità

  1. Se l'oggetto della consegna non può essere utilizzato dal committente in base ai termini del contratto per colpa del fornitore in seguito alla realizzazione negligente o difettosa di proposte e consulenze fornite prima o dopo la stipula del contratto oppure in seguito alla violazione di altre obbligazioni contrattuali accessorie, in particolare le istruzioni per l'uso e la manutenzione dell'oggetto della consegna, si intendono valide per analogia le regole specificate ai punti VIII e IX.2, con esclusione di ulteriori rivendicazioni da parte del committente.
  2. Indipendentemente dal motivo giuridico, il fornitore risponde dei danni non subiti dall'oggetto della consegna stesso solo:
    1. in caso di dolo
      in caso di colpa grave del proprietario/degli organi direttivi o degli impiegati con funzioni direttive
      in caso di violazione della vita, del corpo e della salute
      in caso di vizi da lui dolosamente nascosti o dei quali ha garantito l'assenza
      in caso di vizi dell'oggetto della consegna, se la legge sulla responsabilità del produttore prevede una responsabilità per danni personali o materiali su oggetti utilizzati privatamente
    2. In caso di violazione colposa di importanti obblighi contrattuali, il fornitore è responsabile anche in caso di colpa grave degli impiegati senza funzioni direttive e di colpa lieve, nell'ultimo caso limitatamente al danno contrattuale ragionevolmente prevedibile.
    3. Sono escluse ulteriori rivendicazioni.

X. Prescrizione

Indipendentemente dal motivo giuridico, tutte le rivendicazioni cadono in prescrizione dopo 12 mesi. Per comportamento premeditato o doloso, così come per tutte le rivendicazioni ai sensi della legge sulla responsabilità del produttore, valgono i termini previsti dalla legge. Essi valgono anche per i vizi di un edificio o per oggetti della consegna che sono stati usati per un edificio in base alle loro normali modalità d'impiego e ne hanno causato l'imperfezione.

XI. Licenze software

Se nell'oggetto della consegna è incluso materiale software, al committente viene concesso una licenza non esclusiva di utilizzare il software fornito, inclusa la sua documentazione. Essa viene concessa per l'uso del software sull'oggetto della consegna. È vietato l'uso del software su più di un sistema.

Il committente può riprodurre, modificare o convertire dal codice oggetto al codice sorgente il software solo negli ambiti consentiti dalla legge (§§ 69 a e segg. della legge sul diritto d'autore tedesca (UrhG)). In assenza di un'esplicita autorizzazione del fornitore, il committente si impegna a non rimuovere né a modificare le informazioni relative al produttore, in particolare gli avvisi sul copyright.

Tutti i restanti diritti sul software e sulla documentazione, copie incluse, rimangono al fornitore e/o al fornitore del software. Non è consentita la concessione di sottolicenze.

XII. Altro

  1. Le presenti condizioni generali sono state tradotte in varie lingue straniere. L'obiettivo di queste traduzioni è esclusivamente quello di permettere una migliore comprensione ai nostri clienti stranieri. Il testo in lingua tedesca è l'unico giuridicamente vincolante.
  2. Se il committente è un imprenditore commerciale, il foro competente esclusivo è la sede della nostra società: Siamo tuttavia autorizzati anche a scegliere come foro competente il domicilio del committente.
  3. Ove non specificato diversamente nella nostra conferma d'ordine, il luogo d'adempimento è la sede della nostra società.
  4. Vale in diritto della Repubblica Federale Tedesca. È esclusa l'applicazione del diritto di compravendita dell'ONU (CISG).

TSUBAKI KABELSCHLEPP GmbH
Daimlerstraße 2
D-57482 Wenden-Gerlingen
Tel: +49 2762 4003-300
Fax: +49 2762 4003-40300
info@kabeltrax.de

© TSUBAKI KABELSCHLEPP GmbH | Daimlerstraße 2 | 57482 Wenden-Gerlingen | GERMANY | Tel.: +49 (0)2762/4003-300 | Fax: +49 (0)2762/4003-40300 | info@kabeltrax.de